• In evidenza
  • Alberghiero, Ricci: cucine entro luglio. Ma la Regione parla di dicembre

    Consegna delle nuove cucine all’istituto Alberghiero di Agnone, lavori in dirittura di arrivo. Le opere, costate 165mila euro grazie ad un finanziamento regionale, renderanno l’offerta della scuola tra le più appetibili del panorama molisano.  Ciò nonostante resta ancora dubbia la data ufficiale in merito a quando i ragazzi potranno prendere possesso dei nuovi e accoglienti spazi nati nelle ex officine dell’Itis ‘Leonida Marinelli’. Complice il lockdown, i lavori di ristrutturazione, affidati ad una ditta del Venafrano, hanno subito pesanti rallentamenti. Il tutto alla vigilia della riapertura del nuovo anno scolastico fissata a metà settembre. Fiduciosa sui tempi di consegna dei nuovi locali, la dirigente scolastica, Tonina Camperchioli.

    “Proprio in questi giorni ho sentito il presidente della Provincia (ente titolare dell’immobile), Alfredo Ricci che mi ha rassicurato sulla conclusione dei lavori entro la fine del mese di luglio. L’augurio è che quella data venga rispettata. Continueremo a monitorare la situazione soprattutto perché è impensabile e al tempo stesso impossibile poter tornare a fare lezioni nel ristorante messoci a disposizione da un privato dopo la chiusura del plesso di San Marco. Non stiamo chiedendo la luna – conclude la Camperchioli – bensì quello che spetta di diritto agli studenti ai quali va il mio personale encomio per i sacrifici fatti fino ad oggi”. Tuttavia mentre la dirigente scolastica agnonese prende per buona la promessa fatta da Ricci, la Regione Molise, proprio ieri, ha sottoscritto una determina nella quale si evince come la chiusura dei lavori è stata prorogata al 31 dicembre 2020 a causa del Covid -19. A questo punto diventa necessario fare chiarezza su quanto riportato dalla Regione.

    Infatti rimandare ancora di tre mesi la consegna delle cucine sarebbe una circostanza deleteria per un istituto, quale l’Alberghiero che vive prevalentemente di esercitazioni svolte all’interno di laboratori, sale ricevimento e, appunto, cucine. Nel frattempo di conoscere come andrà a finire, l’istituto Alberghiero di Agnone si vede destinatario di un finanziamento di 70mila euro derivanti dalle risorse Fsc 2007-2013 – Azione 6 “Ambienti digitali e laboratori di settore”, soldi che serviranno per l’acquisto di un forno a legna il quale darà l’opportunità agli studenti di panificare e infornare pizze. In definitiva se l’offerta delle attività didattiche cresce qualitativamente, non si può dire lo stesso in merito all’utilizzo di ambienti idonei. Naturalmente l’augurio è quello di essere smentiti quanto prima, magari prima di agosto. A buon intenditor…

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi