• In evidenza
  • Comunali, scatta il toto assessore: Di Nucci, Sciullo, Masciotra e Cerbaso in pole position

    Scatta il toto assessori. Dopo la larga vittoria ottenuta con il 60% sugli avversari, il nuovo sindaco di Agnone, Daniele Saia è chiamato a formare la giunta che per i prossimi cinque anni governerà la cittadina altomolisana. In tutto quattro i componenti che entreranno a far parte dell’esecutivo e ai quali saranno affidate le deleghe più importanti (Sanità, Personale, Agricoltura, Protezione civile, Lavori pubblici, Viabilità, Istruzione, Trasporti). Se come per gli anni scorsi anni sarà dato peso ai consiglieri più votati e dunque rispolverato il manuale Cencelli, la nuova giunta è presto che fatta.

    Saia con Giovanni Di Nucci verso l’investitura a vice sindaco

    Ad entrarvi senza alcuna ombra di dubbio Giovanni Amedeo Di Nucci, ex primario dell’ospedale San Francesco Caracciolo che da solo è riuscito a catalizzare qualcosa come 446 preferenze più di tutta la lista di ‘Esserci‘, Enrica Sciullo, infermiera professionale del Pronto soccorso del Caracciolo, nonché portavoce del comitato ‘Il Cittadino c’è’ e protagonista di un vero e proprio exploit in termini di voti (404); il sindacalista Raffaele Masciotra che ha conquistato 353 consensi, grande conoscitore dell’agro e dei problemi inerenti agricoltura e zootecnia, ed infine la giovanissima Michela Cerbaso, studentessa universitaria e segretaria del circolo del Pd Libero Serafini forte di 335 preferenze. Così composta la neo giunta rispetterebbe anche le quote rosa. Curiosità vuole che tutti e quattro i possibili neo assessori sono alla loro prima esperienza da candidati. Non è da escludere come Saia possa premiare con incarichi e deleghe anche gli altri consiglieri eletti mantenendo per sé le deleghe ai Lavori pubblici e al Personale.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi