• In evidenza
  • Disboscamento selvaggio a Carovilli, mano pesante dei Carabinieri forestali

    Prosegue l’attività operativa dei Carabinieri Forestali in provincia di Isernia per la tutela del ricco patrimonio naturalistico e per il contrasto agli illeciti in danno all’ambiente e al paesaggio.
    I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Carovilli hanno sottoposto a controllo in località “Selva di Castiglione” il taglio di un bosco di proprietà comunale, eseguito da una ditta campana, accertando un abbattimento eccessivo di alberi.
    Si è trattato in particolare di una cerreta governata ad alto-fusto ed estesa circa tre ettari dove il controllo faceva emergere che erano stati asportati una sessantina di alberi, sani e in ottime condizioni vegetative, che invece dovevano rimanere a dote.
    L’impresario boschivo dovrà pagare una multa di quasi tremila euro e corrispondere, in risarcimento, una somma di danaro pari a duemilacinquecento euro al Comune di Carovilli in qualità di proprietario degli alberi illecitamente abbattuti e dai quali sono stati ricavati seicento quintali di legna da ardere.
    Prelievi eccessivi di alberi, fanno sapere dal Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Isernia, possono determinare un impatto negativo sulla conservazione della biodiversità e sull’integrità ecologica dei boschi e causano una minore protezione del suolo dagli eventi meteorici, sempre più spesso violenti ed estremi, favorendo l’erosione e il verificarsi dei dissesti idrogeologici.
    La stagione silvana 2020/2021 si è aperta dal 1° ottobre e i rigorosi controlli dei carabinieri forestali saranno svolti a tappeto e riguarderanno anche i boschi di minore estensione.
    Non solo si verificherà che i tagli siano eseguiti in conformità alle norme di polizia forestale, ma nei cantieri sarà verificata anche l’osservanza della normativa sulla sicurezza e sarà contrastato il lavoro nero e irregolare.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi