• In evidenza
  • Gestione aree silvo-pastorali, Coldiretti illustra bando da 4,8 mln di euro

    La multifunzionalità della foresta e l’uso sostenibile delle risorse rinnovabili nelle aree rurali, di questo si è parlato all’Hotel Europa ad Isernia nel corso di un incontro organizzato da Coldiretti Molise e Federforeste.

    Hanno preso parte al meeting, il direttore regionale di Coldiretti Molise, Aniello Ascolese, il segretario nazionale di Federforeste, Piero Torchio, numerosi imprenditori agricoli molisani e dottori agronomi che operano sul territorio, il presidente dell’Anci Molise, Pompilio Sciulli, ed i sindaci o loro delegati di 11 Comuni della regione: Pescopennataro, Riccia, Sant’Agapito, Vastogirardi, Castelpizzuto, Poggio Sannita, Castelverrino, Roccamandolfi, Roccasicura, Forli del Sannio e Longano. Collegato in videoconferenza l’avvocato Osvaldo Lucciarini, responsabile Ufficio Legale di Federforeste.

    Rientrante nel Piano Operativo Agricoltura – FSC 2014-2020, il bando mira a promuovere una corretta e razionale gestione delle aree silvo-pastorali di montagna e interne di tutto il Paese, dunque anche del Molise che, in base al censimento dell’Inventario Forestale Nazionale (I.F.N.), vanta una superficie forestale di 129.600 ettari, pari al 29.2% dell’intero territorio regionale. Le risorse finanziarie disponibili ammontano a 4.898.562,93 euro a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC). Per ogni singola domanda di sostegno è prevista una copertura del 100% dei costi ammissibili e fino ad un massimo di 200.000,00 euro.

    Il bandoha spiegato il direttore Ascolese introducendo i lavori – vuole promuovere la creazione di nuove strutture associative o consortili per la gestione delle proprietà silvo-pastorali sia pubbliche che private e collettive, al fine di contrastare il frazionamento delle proprietà stesse, incrementare la pianificazione, valorizzare le vocazioni produttive, ambientali e sociali locali e sostenere così lo sviluppo ed il rafforzamento delle reti di imprese in ambito forestale”.

    Le potenzialità del bando non si esauriscono però nella “mera” salvaguardia e buona gestione delle risorse boschive. A ciò, si sommano, infatti, la salvaguardia e la tutela dell’ambiente oltre che la possibile contestuale spinta allo sviluppo economico dei territori interessati. “L’utilità della creazione di consorzi forestali, siano essi costituiti da privati, da enti o misti pubblico-privati – ha osservato Piero Torchio nel suo intervento – non riguarda solo la corretta gestione delle risorse silvo-pastorali ma può stimolare, ad esempio, anche lo sviluppo socio-economico del territorio, magari con la nascita in queste aree, correttamente manutenute e conservate, di attività economico-turistiche”.

    L’incontro ha suscitato notevole interesse fra gli intervenuti che hanno avuto la possibilità di approfondire la conoscenza del bando indispensabile per avviare una prima valutazione sulla possibilità di prendervi parte.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi