• News
  • Il direttore generale della Bcc: «Sono positivo al Covid». Tamponi a tutto il personale

    «Il nostro Direttore Generale in data 1° ottobre è risultato positivo Covid-19. Prontamente e responsabilmente il Direttore Generale Fabrizio Di Marco ha comunicato sul suo profilo Facebook il suo status, affinché chiunque lo abbia incontrato nei giorni precedenti al 1° ottobre potesse prendere le dovute misure preventive al fine di circoscrivere il contagio.
    Il Direttore e la sua famiglia stanno bene e la situazione è sotto controllo.
    Per la tutela della Clientela, il personale della Direzione Generale e il personale della filiale di Atessa Centro capoluogo è stato sottoposto al Tampone. I risultati li avremo mercoledì 7 ottobre o forse anche prima.
    Tutto il personale della Direzione Generale e della filiale di Atessa Centro non presterà servizio sino all’esito dei tamponi. Lunedì 5 ottobre ad ATESSA CENTRO il sevizio di sportello sarà comunque assicurato da una task force di collaboratori provenienti da altre filiali che non hanno avuto contatti negli ultimi 15 giorni né con il Direttore Generale né con altro personale in servizio ad Atessa centro. Gli uffici della BCC in via Brigata Alpina Julia Atessa sono stati sottoposti alla sanificazione. La filiale di Piazzano e le altre filiali continueranno ad operare regolarmente. Raccomandiamo la clientela di servirsi dello sportello fisico di Atessa CENTRO solo per operazioni urgenti ed improcrastinabili. Vi ringraziamo per la collaborazione. Insieme sconfiggeremo e staneremo questo maledetto virus».

    E’ quanto si legge su un comunicato della Banca di Credito Cooperativo SangroTeatina. Questo, invece, il post pubblicato sul profilo Facebook personale dal direttore generale: «Purtroppo sono risultato positivo al COVID19 – Sto bene non ho febbre – gusto e olfatto OK. Responsabilmente lo voglio comunicare a tutti per precauzione in modo tale che le persone che mi hanno incontrato in questi ultimi giorni possano prendano le dovute misure . Saremo in quarantena io e la mia famiglia fino al 17 ottobre. Avere preso il Virus non è una colpa ma dire a tutti di averlo beccato è un senso di CIVILTÀ».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi