• News
  • Infortunio a 2.433 metri di quota, escursionista salvata in elicottero

    E’ scivolata e si è distorta una caviglia mentre con due amici scendeva ieri pomeriggio lungo il sentiero che porta alla seggiovia dei Prati di Tivo dal rifugio Carlo Franchetti, il più alto tra quelli situati sul Gran Sasso, a 2.433 metri di quota sul versante teramano del massiccio.

    Subito i due amici della turista milanese di 59 anni, hanno allertato il Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo, prontamente intervenuto con l’elicottero del 118, che è decollato dall’aeroporto di Preturo (Aq) e ha raggiunto il luogo dell’incidente. Grazie all’esperienza del pilota, l’elicottero è riuscito con destrezza a poggiare sul sentiero, consentendo all’equipaggio di atterrare con il verricello e soccorrere la donna infortunata, trasportata a bordo dell’elicottero all’ospedale di Teramo.

    E’ il sesto intervento portato a termine con successo negli ultimi giorni dall’equipe del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo e dall’elicottero del 118.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi