• In evidenza
  • Lavoratori in nero sul cantiere: 77mila euro di sanzioni. Un operaio percepiva anche il reddito di cittadinanza

    Al lavoro in un cantiere edile nonostante percepisca il reddito di cittadinanza. Un operaio e il suo datore di lavoro finiscono nei guai. Controlli a tappeto, in tutti i centri della provincia di Isernia, anche nei centri montani dell’Alto Molise, da parte del personale del Nucleo ispettorato del lavoro dei Carabinieri, coadiuvati dagli uomini della territoriale messi a disposizione dalle diverse stazioni. In un comune a ridosso dell’Alto Molise i Carabinieri del Nil hanno riscontrato diverse anomalie e violazioni di legge e normative in un cantiere edile. I controlli hanno riguardato in particolare il rispetto delle normative volte a garantire la sicurezza sul lavoro degli operai. All’esito di tali controlli i militari e il personale operante provvedevano alla sospensione di un cantiere per violazioni del dlgs 81/2008 in relazione alla legge 146/2021, con relativa segnalazione all’autorità giudiziari del titolare dell’impresa. In particolare, durante l’accertamento, venivano sottoposti a controllo sei lavoratori, quattro dei quali risultati in nero, senza alcun contratto. Uno di questi, inoltre, ai successivi controlli al terminale da parte del Nil, è risultato percettore di reddito di cittadinanza. La sua posizione è ora al vaglio degli uomini del Nil per gli eventuali successivi provvedimenti. All’esito della ispezione sul cantiere sono state elevate sanzioni amministrative per un importo di oltre settantasettemila euro.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi