• News
  • Lotto zero Isernia-Castel di Sangro, Testamento: «Gravi criticità ambientali, economiche e procedurali»

    «Ho indirizzato al nuovo Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Enrico Giovannini una interrogazione per sapere se intenda riconsiderare la presunta strategicità dell’opera viaria “Lotto Zero” a fronte delle gravi criticità ambientali, economiche e procedurali che presenta» . A dichiararlo la parlamentare molisana Rosa Alba Testamento.

    «L’opera – continua Testamento – ha da sempre suscitato molte perplessità sia sotto il profilo ambientale – paesaggistico sia sotto il profilo economico e della reale utilità e anche, infine, sotto quello procedurale, al punto da essere oggetto di numerosi esposti alle Procure della Repubblica, Corte dei Conti e Autorità Nazionale Anticorruzione da parte di comitati di cittadini e dell’Associazione antimafia “Caponnetto”. Due gallerie, otto viadotti e tre svincoli, in tutto circa 5 km che dovrebbero collegare il bivio di Pesche al km 181+500 della S.S. 17 al viadotto 1 della Isernia – Castel di Sangro, che oltre a produrre pesanti ripercussioni sul consumo di suolo e l’ambiente circostante si caratterizzano per una sconcertante lievitazione dei costi ai fini della realizzazione: dagli originari 18 milioni di euro agli attuali 170 milioni di euro. Una cifra a dir poco “imbarazzante” vista l’esiguità del traffico veicolare giornaliero e dell’abbreviazione dei tempi medi di percorrenza, appena tre minuti rispetto alle attuali opzioni stradali, che sarebbero ipotizzati nella documentazione ufficiale. Inoltre – continua – sembrerebbe non sia stata effettuata un’adeguata analisi del rapporto costi /benefici e questo, a fronte della grave crisi sociale, economica e ambientale che stiamo vivendo e della consapevolezza che le vere esigenze del paese siano altre, rende ancora più inopportuno sprecare denaro pubblico per la realizzazione di un tratto stradale inutile e dannoso».

    «Auspico, pertanto, che sulla base di quanto esposto nell’interrogazione il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti riesamini l’intero progetto, compreso il suo inserimento nei 53 interventi infrastrutturali per i quali è prevista, sulla base dell’ultimo decreto semplificazioni, una accelerazione dell’iter attraverso la nomina di un commissario straordinario, interventi che saranno nelle prossime settimane all’attenzione delle commissioni parlamentari competenti» conclude Testamento.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi