• In evidenza
  • Offerta scolastica ad Agnone, serve un convitto per ospitare gli studenti

    Tavolo tematico dedicato agli ambiti scuola e sport, visto l’inizio del nuovo anno scolastico. L’iniziativa dei “Giovani per Agnone democratica” nei giorni scorsi in piazza.
    «Sicuramente sarà un anno pieno di novità e restrizioni, – spiegano gli organizzatori – ma noi Giovani per Agnone Democratica siamo convinti che la ripartenza sia necessaria perché la cultura rappresenta la base sui cui si potrà e si dovrà investire nel prossimo futuro».


    Durante l’incontro la professoressa Ida Cimmino ha sottolineato l’eccellenza degli istituti scolastici agnonesi ed ha ribadito la necessità di un convitto che possa accogliere studenti da altri territori. «Infatti, – commentano gli organizzatori dell’evento – risulterebbe deleterio puntare ad aprire un istituto agrario sul territorio senza possibilità di dare alloggio ad altri giovani, si creerebbe una lotta invalidante tra i diversi indirizzi».


    L’ingegnere e professore Franco Marcovecchio si è fatto promotore dell’idea del convitto menzionata dalla professoressa Cimmino. Marcovecchio è fermamente convinto che lo sport e la scuola vadano di pari passo e rappresentino momenti di aggregazione e socialità importanti per gli studenti. «Sarà necessario formare i giovani ad a una cultura sportiva e l’ingegnere auspica che gli studenti possano tornare a praticare le OlimpISIS e i Giochi della Gioventù a livello competitivo».
    È stata sollevata anche la problematica riguardante la scarsa rappresentanza studentesca all’interno dell’omnicomprensivo di Agnone, tematica sulla quale i Giovani per Agnone Democratica si concentreranno nelle prossime settimane.
    «La rappresentanza è uno dei capisaldi indissolubili del sistema democratico e gli studenti hanno la necessità di essere rappresentati e di far valere i loro diritti» chiudono i ragazzi del centrosinistra.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi