• Auguri
  • Tra ricordi e aneddoti i 101 anni di nonna Lina Palomba, Poggio Sannita in festa

    Il piccolo centro altomolisano in festa per le 101 candeline della signora Lina Palomba ospite della struttura per anziani ‘Cosmo Maria De Hotaris’ diretta da Nicola Di Filippo. L’arzilla nonnina è infatti nata a Poggio Sannita il 15 gennaio del 1921 e dal gennaio del 2014 ha deciso di trascorrere la sua esistenza nella casa di riposo poggese dove è accudita e coccolata dal personale e dagli altri ospiti.

    In gioventù dopo aver lavorato per sei anni in Francia, la signora Palomba ha deciso di tornare nel paese natio dove si è occupata della sua campagna che raggiungeva a piedi ogni mattina lungo un tragitto di sette chilometri. Lucidissima, a chi le chiede un aneddoto della sua lunga e intensa vita, racconta di quando, insieme ad alcuni componenti della famiglia, si recava a piedi Agnone (circa 20 chilometri tra andata e ritorno) per riempiere le tine di rame per poi far rientro a Poggio.

    Nicola Di Filippo con in braccio nonna Lina

    Ed ancora, impressi nella sua mente i giorni in cui si macinava il grano al mulino per poi rivendere la farina e fare cassa, mentre con quella che avanzava si preparava il pane e la pasta fatti rigorosamente a mano. Una istantanea che oggi appare distante anni luce in un contesto sociale dove il consumismo la fa da padrone. La forte fede in Dio, la cucina genuina costituita da pochi alimenti e un bicchiere di vino rosso, l’elisir di lunga vita che l’hanno portata a tagliare l’invidiabile traguardo dei 101 anni. Malgrado non si mai sposata, alla signora Lina è bastato godere dell’affetto e calore dei fratelli Ascenzo, Nicola, delle nipoti Luciana, Roberta, Gianni e Domenico che l’hanno festeggiata con tutti gli onori che si riservano per una persona speciale qual è. A Lina Palomba gli auguri più sentiti dall’intera comunità di Poggio Sannita, dai responsabili e personale della struttura in cui vive ai quali si uniscono quelli della redazione di PrimopianoMolise. Prosit!

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi