• In evidenza
  • Abruzzo unica regione rossa, Paolucci: «Colpa delle scelte sbagliate di Marsilio»

    «L’Abruzzo fermo fino a Natale: grazie presidente Marsilio. Non tutelata né la salute né l’economia».

    Duro commento di Silvio Paolucci, ex assessore alla sanità e attualmente consigliere regionale di opposizione, all’annuncio del Governatore Marsilio che l’Abruzzo dovrà restare per un’altra settimana in zona rossa, così come deciso dalla Cabina di regia a Roma.

    A destra Silvio Paolucci (Pd)

    «Marsilio conosceva bene le norme quando fece questa scelta. – continua Paolucci – Questo è il regalo della Giunta lenta agli abruzzesi titolari delle attività che vedranno sfumare un periodo molto importante dell’anno; alle famiglie degli studenti che faranno ancora lezioni a distanza; agli operatori del comparto economico, turistico e commerciale, in ginocchio e ancora in attesa delle risorse a fondo perduto promesse dalla Regione.
    Smetta di dire tante bugie mischiando i colori, l’ultima delle tante il 17 novembre quando diceva testualmente “avevo pronosticato fin da subito che con questo andamento e con questa curva dei contagi tutta l’Italia finirà in zona rossa”.

    Così Marco Marsilio, presidente della Regione Abruzzo. In pratica ci siamo rimasti solo noi. A furia di fare dispetti al Governo per conto della Meloni ha incastrato l’Abruzzo e gli abruzzesi che dovrebbe amministrare e che ha costretto a tenere le braccia incrociate per via delle sue scelte sbagliate».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi