• News
  • Acquistano on line, ma vengono truffati: denunciati in tre

    Nella trappola delle truffe telematiche è caduto un anziano molisano il
    quale era stato attratto da annunci pubblicati su un sito internet di acquisti on line ed aveva ordinato un casco ed altri oggetti per la sua moto, pagando tutto in anticipo.
    In un primo momento ha atteso che il corriere gli consegnasse quanto acquistato ma, dopo qualche giorno l’uomo, non avendo più ricevuto notizie dai venditori, si è recato dai Carabinieri per sporgere denuncia, facendo scattare immediatamente le indagini, che hanno permesso di identificare i due autori della truffa, immediatamente denunciati.


    Curioso è risultato, infine, il caso di un’altra vittima molisana la quale aveva
    visitato un sito internet di acquisti on line, poiché attratto dall’annuncio della vendita di una piscina gonfiabile con apposito motorino per ricircolo dell’acqua, pensando di rinfrescarsi durante la stagione estiva. L’acquirente ha seguito alla lettera quanto richiesto dal venditore che lo induceva ad effettuare una ricarica su una postepay, per un importo pari a ben quattrocento euro.
    Estate al caldo per il povero uomo che ha atteso, purtroppo invano, che la
    piscina gli venisse consegnata ed, una volta essersi reso conto di essere stato truffato, si è rivolto ai Carabinieri che hanno identificavano l’autore del reato: un truffatore residente nel nord Italia il quale, dopo essere stato scoperto, è stato denunciato alle competenti autorità.
    «E’ fondamentale prestare attenzione ai pericoli in rete» – mettono in guardia dal Comando Provinciale Carabinieri di Campobasso, invitando a consultare il sito www.carabinieri.it, a rivolgersi al Comando Stazione Carabinieri più vicino e fornendo una serie di piccoli consigli per non cadere nella trappola delle truffe telematiche: prima di acquistare un prodotto o di usufruire di un servizio in internet, bisogna verificare le politiche di vendita e le condizioni di recesso, nonché i tempi di consegna, i costi e le spese di spedizione, senza dimenticare di raccogliere tutti i dati per essere sicuri della reale identità del venditore. E’ utile anche verificare l’esistenza della certificazione, cioè di un attestato che comprovi la corrispondenza tra un dato sito e una persona fisica o giuridica.
    I pericoli in rete sono tanti ed è bene tutelarsi, anche contattando la più vicina Stazione dei Carabinieri o il 112.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi