• In evidenza
  • Chiusura Rsa, sindaco a Regione: «Serve accreditamento per salvare territorio»

    «Non conosco bene i dettagli, perché come amministrazione comunale non siamo stati investiti direttamente della questione, trattandosi di imprenditori privati, tuttavia la notizia della chiusura è confermata e so che proprio in questi giorni le famiglie degli ospiti sono state informate e già si stanno effettuando i trasferimenti».

    Il sindaco di Castiglione Messer Marino, Felice Magnacca, commenta con queste parole la notizia dell’imminente chiusura del centro per anziani “RSA Santa Maria del Monte“. L’attuale proprietà, in attesa di un accreditamento da parte della Regione Abruzzo da oltre un decennio, ha problemi di liquidità e dunque non è nelle condizioni di poter andare avanti. Decine di posti di lavoro che si perdono, un servizio che viene meno sull’intero territorio, senza considerare tutto l’indotto per la fornitura di beni e servizi. Una vera “mazzata” per Castiglione e l’Alto Vastese. Tuttavia si apre uno spiraglio nel segno della continuità ed è proprio il sindaco Magnacca a segnalarlo.

    «So che ci sono trattative in corso per il subentro di un’altra cooperativa che gestisce già analoghe strutture in Molise. – conferma all’Eco il primo cittadino – E mi risulta che nei prossimi giorni ci sarà un incontro in Regione Abruzzo con questi nuovi imprenditori intenzionati a rilevare il centro di accoglienza per anziani. Chiaramente credo che il problema principale sia quello dell’accreditamento, che permetterebbe una compartecipazione nelle spese di gestione. Senza quel requisito non credo ci sarebbero le condizioni per mantenere aperta una struttura che dà anche occupazione, non solo ai lavoratori di Castiglione, ma anche dei centri limitrofi. L’appello che mi sento di fare, come sindaco di questa comunità, è che in Regione si passino una mano sulla coscienza e diano un segnale di vicinanza e sostegno alle aree interne di cui tanto si parla».

    L’esito di questo incontro in Regione si conoscerà solo nei prossimi giorni, pare entro venerdì.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi