• News
  • Cinghiali nel Chietino: delibera regionale sul controllo scaduta, sindaci con le mani legate

    La delibera regionale che autorizza e norma le operazioni di controllo alle popolazioni di cinghiali condotte dalla Polizia provinciale e dal personale volontario opportunamente formato è scaduta da settimane. Ciò si traduce in una battuta d’arresto per il controllo. Stop agli abbattimenti a ridosso dei centri abitati, dunque, con le segnalazioni e le criticità che aumentano nei vari centri del Chietino.

    Tra Orsogna e Lanciano, ma anche a Francavilla al mare, vengono segnalati i maggiori problemi, con avvistamenti di cinghiali anche nei centri abitati. I sindaci non sanno come comportarsi alla luce della scadenza della delibera di giunta regionale. Molte aziende agricole stanno subendo danni ai seminativi e addirittura sere fa una donna di Orsogna che conferiva una busta di rifiuti di umido nella spazzatura ha avuto un incontro ravvicinato con un cinghiale.

    Primo a sinistra, l’assessore regionale alla Caccia, Emanuele Imprudente (Lega)

    L’assessore regionale Emanuele Imprudente ha fatto sapere che la Giunta sta lavorando alla nuova delibera autorizzativa, ma la sensazione è che la Regione stia prendendo tempo forse per non indispettire una parte del mondo venatorio notoriamente contraria alle operazioni di controllo.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi