• News
  • Dichiara di vivere in un rudere per ottenere il reddito di cittadinanza: un denunciato nel Vastese. Dovrà restituire 25mila euro

    Contrasto all’illecita percezione del reddito di cittadinanza, denunciato dai carabinieri di Casalbordino un 57enne del posto. In questo periodo i carabinieri della compagnia di Ortona insieme ai costanti controlli in tema di green pass e la prevenzione dei reati contro il patrimonio, continuano a sviluppare le indagini sui beneficiari del reddito di cittadinanza in considerazione che il numero dei “furbetti” individuati e in costante crescita.

    A Casalbordino , questa volta, i carabinieri della locale stazione hanno denunciato alla procura della Repubblica di Vasto un 57enne del posto, già artigiano edile, che dal 2019 era percettore del beneficio. I carabinieri, in collaborazione con i colleghi del NIL presso l’ispettorato del lavoro di Chieti-Pescara, hanno accertato che l’uomo aveva omesso nella dichiarazione sostitutiva unica che è regolarmente coniugato nonché aveva indicato la residenza in un’abitazione vecchia dove i carabinieri hanno accertato che non vi abitava nessuno e che non era allacciata alla rete elettrica, gas e altre utenze. L’uomo così facendo ha sottratto alle casse dell’Erario ben 25 mila € che dovrà restituire mentre l’INPS ha avviato le celeri pratiche per la sospensione e poi revoca del beneficio percepito illegalmente. Il 57enne, già con qualche precedente alle spalle, in caso di condanna rischia una pena da 2 a 6 anni di reclusione…

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi