• News
  • Droga e prostituzione, albanese finisce dietro le sbarre

    Ricercato in tutta Europa per sfruttamento della prostituzione
    e spaccio di stupefacenti, arrestato a Valona 37enne albanese.
    Gli uomini della Polizia albanese hanno eseguito un provvedimento di cattura Internazionale emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello de L’Aquila, su impulso dei Carabinieri di Vasto e di
    Montesilvano, a carico di Bubeqi Ergust, albanese, classe ‘83, pluripregiudicato, condannato in via definitiva alla pena di 9 anni e 10 mesi di reclusione per sfruttamento della prostituzione e spaccio di
    stupefacenti.

    Il condannato era ben noto alle forze dell’ordine anche in considerazione di atti ostili ai controlli di Polizia che ha posto in essere in una circostanza. Già nel 2008, i Carabinieri del Reparto Operativo del
    Comando Provinciale di Pescara, nell’operazione “Carpe Diem”, sotto la guida della Procura Distrettuale Antimafia de L’Aquila, avevano tratto in arresto il Bubeqi insieme ad altri 27 soggetti, in qualità di membro operativo di un esteso sodalizio criminale composto da oltre 60 soggetti, tra nomadi di estrazione rom e albanesi gravitanti sul litorale adriatico abruzzese. Questi avevano stretto un vero e proprio patto d’acciaio per la gestione dei flussi del traffico di stupefacenti provenienti dall’estero fino
    in Abruzzo e poi rivenduti su tutto il territorio italiano.
    A febbraio 2018 poi, la Corte d’Appello di L’Aquila condannava il soggetto a 9 anni e 10 mesi di reclusione in carcere per sfruttamento della prostituzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Al momento dell’esecuzione del provvedimento tuttavia, Bubeqi si rendeva irreperibile ad ogni tentativo di rintraccio. Gli elementi investigativi acquisiti hanno consentito ai Carabinieri di Vasto e Montesilvano di
    ricostruire il percorso di fuga intrapreso dal catturando che, mediante l’utilizzo di documenti falsi, si è trasferito dapprima in Belgio e successivamente ha fatto rientro in Albania dove ha legittimamente
    cambiato il cognome prendendo quello della moglie rumena, abitante in San Salvo (CH). La ricostruzione degli spostamenti ha permesso quindi di inoltrare richiesta di internazionalizzazione del provvedimento restrittivo alla Procura Generale della Repubblica dell’Aquila che, concordando sugli elementi emersi, ha immediatamente emesso Mandato di Arresto Europeo estendendo le ricerche in campo internazionale anche fuori area dei Paesi aderenti al Trattato di Schengen coinvolgendo di
    conseguenza il Ministero della Giustizia e il Servizio Interpol. Ottenuta l’autorizzazione alla diffusione internazionale delle ricerche, in collaborazione con il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia e l’Ufficio dell’Esperto per la Sicurezza a Tirana, il collaterale organo di Polizia albanese, in costante contatto con i Carabinieri di Vasto e di Montesilvano, provvedeva a localizzare e a dare esecuzione all’arresto provvisorio del latitante in attesa di estradizione
    in Italia dove dovrà scontare il resto della pena inflitta per i fatti di cui è accusato.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi