• In evidenza
  • Frana Casamicciola, l’ingegner Barone (Federdistat): «Più risorse, mezzi e uomini al dispositivo di soccorso»

    «Più risorse, più uomini, più mezzi nel dispositivo di soccorso per un territorio fragile e che dovrebbe essere continuamente monitorato». E’ la richiesta che arriva dal segretario generale della FEDERDISTAT VVF- CISAL, l’ingegner Antonio Barone, già direttore regionale dei Vigili del fuoco del Molise. Il segretario generale del sindacato interviene con una nota ufficiale dopo le drammatiche scene che arrivano da Ischia – Casamicciola, dove tra l’altro stanno operando anche uomini e mezzi provenienti dal comando provinciale di Campobasso.

    A sinistra l’ingegner Barone, allora direttore regionale dei Vigili del fuoco del Molise

    «L’isola dell’arcipelago campano in queste ore è teatro di scene strazianti ed apocalittiche, in cui il personale dei Vigili del fuoco è sempre pronto ed efficiente nel prestare sostegno ed aiuto a chi ha perso tutto, nonostante i soccorsi siano resi complicatissimi dalle condizioni atmosferiche che non accennano a miglioramenti. – continua Barone – Bisognerà intervenire sulle unità specifiche di personale presenti sull’isola implementandole, adoperando anche la componente volontaria finanziata dagli enti locali, predisporre un gruppo di lavoro ad hoc per costituire un meccanismo di soccorso dedicato alla particolare orogenesi del territorio in caso di emergenza, di varia natura.

    Bisognerà utilizzare sistemi di prevenzione avanzati per il dissesto idrogeologico anche usando le professionalità presenti all’interno del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, riuscendo ad intercettare i fondi dedicati del PNRR. Mai più bisognerà piangere eventi luttuosi come questi ed altri, mai più la nostra Terra sventrata dovrà urlare giustizia e legittimazione a delle soluzioni immediate. Siamo vicini alle famiglie delle vittime, siamo vicini ai nostri fratelli che scavano nel fango. Onore, a tutti voi».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi