• In evidenza
  • Giardino di Flora Appenninica, è Paola Fortini il nuovo direttore

    Paola Fortini è stata nominata direttore del Giardino di Flora Appenninica di Capracotta. Professoressa di Botanica presso il Dipartimento di Bioscienze e Territorio dell’Università degli Studi del Molise, è attualmente responsabile scientifico dell’Erbario e del Museo delle Scienze Naturali del Molise. Sostituisce il professor Marco Marchetti.

    Costituito nel 1963, su idea dell’ecologo vegetale Valerio Giacomini, il Giardino della Flora Appenninica è uno scrigno di diversità vegetale che vanta 56 anni di attività. Sostenuto da UniMol, Regione Molise e Comune di Capracotta, si trova a 1525 metri sul livello del mare, è tra i più alti d’Italia e si estende per oltre dieci ettari fino ai margini di una foresta di abete bianco – estremo lascito dell’era quaternaria che riveste il versante settentrionale di Monte Campo. Il Giardino riveste una funzione essenziale nella promozione e diffusione delle scienze botaniche e in modo particolare nella ricerca, conservazione, didattica e divulgazione relative alla biodiversità vegetale.

    È aperto ad un pubblico molto diversificato (adulti, giovani, anziani, studenti, disabili, stranieri) e rappresenta un punto di riferimento importante sulle sfide globali della società contemporanea e sul ruolo fondamentale che le piante giocano per il benessere e la sopravvivenza del genere umano. Il Giardino della Flora Appenninica di Capracotta è un museo atipico per la natura vivente delle collezioni della flora appenninica, variamente disposte e presentate, che coinvolge attivamente il pubblico nella conservazione e tutela delle piante e della biodiversità più in generale.

    “E’ mia intenzione da subito valorizzare il peso strategico del Giardino nella conservazione, ricerca e formazione – i primi commenti del neo direttore -. Un importante obiettivo da raggiungere sarà quello di chiedere il riconoscimento dalla Società Botanica Italiana quale ‘Giardino botanico qualificato di livello internazionale’ e ottenere così anche la certificazione ‘BGCI Accredited Botanic Garden’. Inoltre, è prossima l’installazione nel Giardino di un laboratorio per lo studio della sostenibilità e della qualità ambientale che farà crescere la rilevanza scientifica dell’area”.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi