• In evidenza
  • Guardiabruna terzo mondo: un’ora d’acqua al giorno, autobotti in piazza

    Donne anziane che vanno a riempire l’acqua potabile con recipienti di fortuna. Scene da dopoguerra o, meglio, da terzo mondo, che si rivedono in queste ore a Guardiabruna.

    Il piccolo borgo montano dell’Alto Vastese è alle prese con una crisi idrica senza precedenti. Da quasi un mese si va avanti con poche ore di acqua corrente al giorno. «Dalle poche ore si è passati a mezz’ora d’acqua al giorno, al mattino. E’ una situazione vergognosa e inaccettabile nel 2020, considerando che siamo meno di centocinquanta residenti» commentano amareggiati i cittadini. Come in carcere, un’ora d’aria; a Guardiabruna invece hanno l’ora d’acqua, anzi, mezz’ora stando ai racconti dei residenti. Inutile chiedere spiegazioni alla Sasi, il presunto e sedicente gestore del servizio idrico integrato. Calo fisiologico della portata delle sorgenti, è il ritornello che balbettano dalla società di Lanciano. Si parla, tuttavia, di appena un trenta per cento di acqua che arriva nei rubinetti delle case rispetto a quella prodotta dalla sorgenti. Si perde per strada, è evidente, a causa delle condutture colabrodo.

    E la Sasi, che di mestiere pare faccia il gestore del servizio idrico integrato, non si premura affatto di sostituire la rete colabrodo, ma si limita a chiudere e razionare la poca acqua rimanente, quella che non va persa. Prima qualche ora, ora mezz’ora al giorno, peggio che nel terzo mondo. E nella mattinata di oggi, per tentare di dare un minimo di servizio ai cittadini, in paese è arrivata un’autobotte di acqua potabile. E le anziane del paese hanno sfilato con boccali e catini per rifornirsi di acqua potabile. Probabilmente lo facevano già da bambine, subito dopo la guerra… anche se allora, per fortuna, non c’era la Sasi.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi