• News
  • Pizzoferrato: 36 per cento di positivi al Covid, Marsilio dichiara la “zona rossa”

    Situazione epidemiologica preoccupante nel territorio del Comune di Pizzoferrato dove, ad esito delle ordinarie attività di contact tracing e di screening si è palesato un notevole incremento del numero di positività per Sars-Cov-2, per un tasso pari al 36% della popolazione tamponata. In una nota della Asl indirizzata alla Regione Abruzzo si suggerisce «alla luce del dato epidemiologico sopra evidenziato, di considerare eventuali misure di contenimento e di limitazione degli spostamenti da e per il Comune di Pizzoferrato, almeno in attesa del completamento dello screening virologico in corso sulla popolazione locale».

    Per questi motivi il Governatore Marco Marsilio ha firmato una ordinanza con qualche dispone «per i cittadini residenti e domiciliati nel Comune di Pizzoferrato, il divieto di allontanamento dal territorio comunale
    dal 16 gennaio 2021 al 22 gennaio 2021, ovvero sino a nuovo diverso provvedimento, da adottarsi a seguito della conclusione anticipata della predetta attività di screening».

    Sempre in base all’ordinanza «sono consentiti l’ingresso e l’uscita al e da Comune di Pizzoferrato al personale sanitario, ai volontari e funzionari della Protezione civile nazionale e regionale, al personale delle forze di polizia, del corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonché delle forze armate, nell’esercizio delle proprie funzioni; sono consentiti l’ingresso e l’uscita al e da Comune di Pizzoferrato in presenza di condizioni di comprovate ragioni di salute (ricovero ospedaliero, stato di gravidanza, patologie che necessitano di visite o cure indifferibili) debitamente certificate; sono consentiti l’ingresso e il transito per e nel Comune di Pizzoferrato al personale impegnato nel trasporto finalizzato al rifornimento e al funzionamento di servizi essenziali, previa esibizione da parte di quest’ultimo di idonea documentazione relativa alla merce trasportata e alla destinazione della stessa».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi