• In evidenza
  • Pos adottato senza concertazione, M5S convoca consiglio monotematico

    “L’arroganza e l’incapacità del presidente Toma e della sua maggioranza di dialogare con le opposizioni, finanche su temi che riguardano la salute dei cittadini, ci ha portati oggi ad abbandonare l’aula. Lo abbiamo fatto di concerto con l’altro gruppo di opposizione, perché sentiamo tutto il peso di una mancanza di rispetto dei cittadini molisani. Sono tre anni e mezzo, ormai, che il Consiglio regionale viene ridotto ad una vuota passerella in cui Toma e i suoi si fanno la guerra per le poltrone, ignorando qualsiasi proposta di buonsenso. Rifiutando il minimo dialogo, soprattutto in materia di programmazione sanitaria, che registra pesanti carenze già da prima dell’emergenza Covid”.

    E’ quanto scrivono i portavoce del MoVimento 5 Stelle che questa mattina durante i lavori del Consiglio regionale hanno abbandonato l’aula in dissidio con le decisioni prese in solitaria dal governatore. Ad irritare i grillini, neanche a dirlo, l’adozione senza alcuna concertazione del Piano operativo straordinario 2019-2021 che ridisegna la sanità in Molise.

    “Speravamo che il teatrino messo in piedi dal governatore per ottenere l’incarico di Commissario ad acta si sarebbe chiuso dopo la sua nomina. Invece – aggiungono – Toma continua ad avocare a sé tutte le decisioni che riguardano la salute e il futuro dei cittadini, senza avere l’umiltà di cercare un confronto con chi studia e vive i tanti problemi sul campo. E non possiamo accettarlo. Nei giorni scorsi ha annunciato l’approvazione del POS (Piano operativo sanitario), il documento più importante che ogni Regione possa adottare. Un Piano da cui dipendono le sorti della nostra martoriata sanità e che, per questo motivo, meritava una seria concertazione con le altre forze politiche, con i sindacati e le associazioni, con chi opera nelle corsie dei nostri ospedali e con la Conferenza dei sindaci”.

    Infine chiosano: “Nulla di tutto ciò è stato fatto: Toma non riusciva a dialogare con i precedenti commissari e non intende farlo ora che ha accentrato a sé tutti i poteri. Abbiamo chiesto urgentemente la convocazione di un Consiglio monotematico per affrontare tutti i nodi cruciali non affrontati nel Piano attuato da Donato Toma. La seduta è prevista per le ore 10.30 di lunedì 27 settembre. All’ordine del giorno: il Pos 2019-21 attuato dal presidente-commissario; la predisposizione del Pos 2022-24; gli appalti della sanità molisana. Fino ad allora, non ha senso continuare a partecipare a Consigli regionali vuoti, di facciata”.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi