• In evidenza
  • Quote rosa, l’esempio di Torella: il sindaco Gianni Meffe nomina due donne in Giunta

    Con il decreto sindacale n.4/2022 il sindaco Gianni Meffe ha nominato la nuova giunta comunale che per la prima volta sarà a maggioranza femminile. Vicesindaco sarà infatti Nicoletta Di Placido, prima degli eletti, mentre la carica di assessore è stata assegnata a Valentina Colli, candidata non eletta della lista “Torella nel Cuore”.

    Una scelta, quella di nominare un assessore esterno, che era stata anticipata nel comizio di chiusura della lista vincente. Una duplice nota di merito, dunque, per il neo sindaco Meffe: l’aver nominato due donne nell’esecutivo comunale, nel pieno rispetto delle normative vigenti sulle quote rose, quelle stesse dimenticate deliberatamente da molti Comuni dell’Alto Molise, e addirittura aver nominato un assessore esterno attingendo tra i candidati di sesso femminile non eletti.

    «Tutti parlano di squadra e unione fino al giorno delle elezioni per poi concentrarsi sulle ambizioni di pochi, – spiega il neo sindaco – mentre noi teniamo fede ai nostri impegni. Il nostro gruppo è riuscito a conquistare una vittoria storica grazie alla partecipazione di tutti, indifferentemente dal numero di preferenze che poi ognuno dei candidati abbia ottenuto il 12 giugno. L’alternarsi dei candidati nel ruolo di assessore permetterà a tutti di sentirsi parte attiva del progetto di cambiamento per il nostro paese e di conoscere al meglio la macchina amministrativa».

    «L’assessore esterno, previsto dalla normativa, non ha costi aggiuntivi o diversi da quello interno, mi preme puntualizzare questo aspetto, – spiega il sindaco, che tra le altre cose è iscritto all’albo dei giornalisti del Molise – per evitare strumentalizzazioni su un qualcosa che dimostra quanto sia coeso e motivato il nostro gruppo».
    «Definita la composizione della giunta adesso ci auguriamo di poter essere pienamente operativi quanto prima per poter fornire riscontro alla popolazione, – conclude Meffe – anche se abbiamo trovato una situazione più complessa di quanto immaginavamo, a partire dal servizio di assistenza finanziaria, scaduto il 31 maggio, dal personale addetto alla pulizia del paese e alla raccolta differenziata, di imminente scadenza, e dalla necessità di individuare un nuovo tecnico comunale a partire dal primo luglio».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi