• News
  • Serrata del Governo: operativi solo i servizi essenziali. Tra questi l’agricoltura, ma anche stampa e caccia

    Serrata del Governo: chiudono tutte le attività che non producono beni o prodotti essenziali. E “Il Sole 24 Ore” pubblica un elenco, per il momento ufficioso, di tutte le attività che non chiudono perché ritenute essenziali. Le coltivazioni agricole, ad esempio, e le produzioni di prodotti animali, con tutti i servizi connessi, sono ritenuti, ovviamente, attività strategiche finalizzate all’approvvigionamento alimentare, dunque non possono chiudere. Idem per la pesca e l’acquacoltura, le industrie alimentari e di bevande, quelle chimiche che fabbricano prodotti farmaceutici. Tra le attività ritenute indispensabili anche la caccia, probabilmente considerata essenziale ai fini dell’approvvigionamento di selvaggina da mangiare, anche se si tratta, è opportuno ricordarlo, di un elenco ancora ufficioso di  attività strategiche, concordate dal governo insieme alle parti sociali.

    NELLA VERSIONE PUBBLICATA DEL DECRETO LA “CACCIA” NON COMPARE LEGGI QUI

    CONSULTA IL DOCUMENTO DELLE ATTIVITA’ RITENUTE ESSENZIALI QUI

    LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO QUI

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com