• News
  • Sospensione AstraZeneca, l’Aifa: è un atto dovuto, ma «vanno evitati gli allarmismi»

    ANSA – La sospensione della somministrazione per il vaccino di AstraZeneca decisa dall’Agenzia italiana del farmaco Aifa su tutto il territorio nazionale – dopo alcuni eventi avversi ed in attesa della pronuncia dell’ente europeo per i medicinali Ema – è un atto dovuto e di “cautela” ma “vanno evitati gli allarmismi”.

    Dal direttore generale Aifa Nicola Magrini al farmacologo Silvio Garattini, è questa la posizione condivisa dalla maggioranza degli esperti, che sottolineano come gli eventi trombotici associati al vaccino evidenzino un tasso analogo a quello registrato nella popolazione generale, anche se in Germania si è registrata una particolare forma rara di questa patologia.

    A tranquillizzare è innanzitutto Magrini: «C’è stata una sospensione perché diversi paesi europei, tra cui Germania e Francia, hanno preferito sospendere in presenza di alcuni recentissimi e pochissimi casi di eventi avversi in donne e giovani, e ciò ha suggerito uno stop di verifiche prima di ripartire».

    LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO QUI

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi