• News
  • Assembramenti davanti alle Poste, il sindaco chiede lo sportello elettronico

    «Da diverso tempo nel comune di Belmonte del Sannio l’ufficio postale è aperto soltanto tre volte a settimana ossia il martedì, il giovedì ed il sabato ad orari prestabiliti. Con l’epidemia in corso si segnala che sono aumentati i disagi per la popolazione costituita per lo più da anziani che sono costretti a lunghe file in prossimità dell’ufficio postale con il rischio di problemi di assembramento».

    Anita Di Primio, sindaco di Belmonte del Sannio, ha preso carta e penna e ha scritto una lettera di proteste indirizzata alla direzione provinciale e nazionale di Poste Italiane, per rappresentare il disagio patito dai suoi concittadini, gli anziani in particolare. Il problema è il ridotto orario di apertura al pubblico degli uffici postali. «I disagi – spiega la sindaca – sono acuiti dal fatto che in loco mancano i servizio di Postamat che potrebbero quantomeno agevolare i servizi postali evitando le lunghe fila di attesa. Alla luce di quanto innanzi, stante le difficoltà riscontrate, si segnalano i predetti disservizi all’autorità Garante per le Comunicazioni al fine di garantire anche ai cittadini di Belmonte del Sannio la regolare erogazione dei servizi postali presenti nei Comuni del circondario».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi