• News
  • Caccia di selezione, capi assegnati in base ai danni in agricoltura: si va da 4 a oltre 50 abbattimenti

    Già da qualche giorno è possibile scaricare, sul sito dell’Atc Vastese, i moduli per le iscrizioni alla caccia di selezione. A partire da martedì 4 maggio, il ritiro delle fascette dovrà essere effettuato esclusivamente dal caposquadra, o dal responsabile della caccia di selezione, previa prenotazione telefonica al n. 0873368830 per concordare con la segreteria dell’ambito il giorno e l’orario per il ritiro. «Il caposquadra, o RCS, dovrà consegnare tutti i moduli di iscrizione dei selecontrollori della propria squadra che parteciperanno alla caccia di selezione al cinghiale, già debitamente compilati e firmati, unitamente al modulo di suddivisione delle fascette nella squadra, già debitamente compilato e firmato, contestualmente al ritiro delle fascette. – spiegano dall’Atc Vastese – Le squadre che non hanno capi assegnati, perché l’entità dei danni, rilevata dalla Regione Abruzzo, è assente o irrilevante nelle zone loro assegnate, avranno diritto a praticare la caccia di selezione al cinghiale in zona non vocata, per le squadre che invece hanno capi assegnati, una volta terminato il loro piano di abbattimento, potranno accedere anch’esse alla zona non vocata».

    Alcune squadre, dunque, in particolare nell’entroterra, sono rimaste senza capi assegnati, almeno in una prima fase. Nel corso dell’ultima seduta del Comitato di gestione, infatti, si è proceduto ad una riassegnazione dei capi, includendo anche le squadre rimaste escluse in partenza. Restano tuttavia delle palesi diversità tra squadra e squadra: alcune hanno oltre cinquanta animali da prelevare, altre, all’interno della stessa macroarea, solo quattro. Una singolare decisione scaturita dal fatto che l’assegnazione dei capi non è stata fatta su base di macroarea, bensì di singola unità di territorio assegnata a ciascuna squadra. Come se in cinghiali non circolassero liberamente da una zona all’altra. Inoltre l’assegnazione è stata fatta sulla base dei danni all’agricoltura segnalati e denunciati, confondendo, di fatto, la caccia di selezione con le attività di controllo, quelle gestite egregiamente dalla Polizia provinciale.

    Da quest’anno dovrà essere utilizzato il sistema informatico per la registrazione e la comunicazione delle uscite, in alternativa alle bacheche (art. 9 comma 7 del disciplinare tipo per la caccia di selezione). – continuano dall’Atc Vastese – Per i selecontrollori non iscritti ad alcuna squadra sul territorio regionale: a partire da martedì 4 maggio, il ritiro delle fascette sarà effettuato direttamente dal selecontrollore, previa prenotazione telefonica al n. 0873368830 per concordare con la segreteria dell’ambito il giorno e l’orario per il ritiro (il selecontrollore dovrà consegnare il modulo di iscrizione alla caccia di selezione al cinghiale, già debitamente compilato e firmato, contestualmente al ritiro delle fascette). Senza la consegna, di tutta la documentazione necessaria, già compilata e firmata non saranno consegnate le fascette. Si ricorda l’obbligo di mascherina per l’accesso all’ufficio nel rispetto della normativa vigente per il contrasto alla diffusione del virus Covid-19».

    L’ASSEGNAZIONE DEI CAPI DISPONIBILE QUI

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi