• News
  • Caso Grillo, Cerroni: «Dimostriamo che l’Italia e le sue leggi non la pensano come lui»

    «In Italia, se sei vittima di stupro, hai 12 mesi di tempo per denunciare. Dodici mesi non sono abbastanza. Non bastano per elaborare il dolore, per respingere la vergogna, per affrontare la minimizzazione, per combattere la colpevolizzazione: perché che sia per il kitesurf, un vestito corto o un atteggiamento considerato inappropriato, per il carnefice, per gli altri, è colpa tua. Il video di Beppe Grillo è uno schiaffo inaccettabile. Dimostriamo che l’Italia e le sue leggi non la pensano come lui».

    Così l’agnonese Caterina Cerroni, esponente del Pd, che interviene sulla questione del giorno, il caso Grillo, o meglio il video pubblicato dal padre in difesa del figlio in relazione all’accusa di stupro.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi