• News
  • Cinghiali, dietrofront della Regione: disco verde ai selecontrollori, ma più potere agli Atc

    Con un sub emendamento presentato e votato nel corso della seduta del Consiglio regionale di oggi, la maggioranza a trazione Lega ha rimesso mano all’articolo 44 della legge 10/2004 nella parte dedicata al controllo della fauna selvatica. Secondo le nuove modifiche apportate il controllo della fauna selvatica all’interno dei centri abitati è autorizzato con ordinanza sindacale, sentito l’Ispra e informati la Regione, il Prefetto e l’Atc competente per territorio. «I piani di controllo sono svolti con il coordinamento di agenti o ausiliari di pubblica sicurezza» si legge testualmente nel sub emendamento passato a maggioranza.

    Nel comma 6, così come modificato, si legge che la Giunta regionale può autorizzare piani di abbattimento su proposta degli Atc, delle associazioni agricole, delle comunità montane o dei Comuni territorialmente interessati. Il comma 7 è così modificato: «L’attuazione dei piani di abbattimento è coordinata dal personale della Polizia provinciale in collaborazione con gli Atc. Gli Atc organizzano le attività gestionali, ivi compresi i piani di abbattimento delle specie selvatiche; in caso di inerzia degli Atc, la Regione, previo accertamento, attiva la Polizia provinciale per l’organizzazione delle attività di abbattimento. Per l’esecuzione dei piani i soggetti attuatori si avvalgono dei seguenti soggetti, purché muniti di licenza per l’esercizio venatorio: proprietari o conduttori dei fondi nei quali si attuano i piani di abbattimento; personale di vigilanza dei Comuni; guardie venatorie volontarie; guardie ambientali volontarie; cacciatori formati attraverso appositi corsi di preparazione alla gestione faunistica con relativo esame di abilitazione, sulla base di programmi concordati con l’Ispra e riconosciuti dalla Regione».

    Sdoganato, dunque, l’impiego dei selecontrollori volontari, in linea con le recenti sentenze delle supreme magistrature dello Stato, anche se la Regione Abruzzo amplia il potere degli Atc.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi