• News
  • Dipartimento Agricoltura, Ombretta Mercurio nuova responsabile degli uffici regionali

    È Ombretta Mercurio, dottore Agronomo e Forestale di 49 anni, residente a Lanciano, il nuovo responsabile regionale del Dipartimento Agricoltura e Eccellenze in Fratelli d’Italia. L’indicazione è arrivata su proposta del Coordinatore Regionale Sen. Etel Sigismondi nell’ambito del lavoro di organizzazione e riorganizzazione di tutti i dipartimenti del partito afferenti la vita sociale e economica di famiglie e imprese, oltre a tutti i temi di più stretta attualità.

    “A nome del coordinamento provinciale – dichiara il coordinatore Antonio Tavani – esprimo i nostri complimenti alla dott.ssa Mercurio Ombretta per l’incarico, ricevuto dal coordinatore regionale sen. Etelwardo Sigismondi, di responsabile di F.D.I. del dipartimento Agricoltura ed Eccellenze italiane per la regione Abruzzo. Le politiche agricole costituiscono un settore strategico per la nostra Nazione, al quale anche il governo Meloni, grazie al lavoro del ministro Francesco Lollobrigida, sta prestando enorme attenzione. Siamo sicuri che Ombretta Mercurio metterà la sua ventennale esperienza professionale quale dottore agronomo al servizio del nostro movimento e della nostra Regione».

    Parole di ringraziamento anche da parte della nuova Responsabile, che ringrazia il coordinatore regionale per la fiducia dimostrata nei suoi confronti con questa opportunità “cui dedicherò ogni sforzo con impegno e dedizione, per il rilancio di un settore che ci vedrà impegnati nel ribadire e promuovere la centralità della figura dell’imprenditore agricolo e della produzione delle nostre eccellenze” ha affermato Ombretta Mercurio.

    E così concludendo: “Ci tengo inoltre a precisare che, pur essendo il mio nuovo ruolo all’interno del coordinamento regionale compatibile con il ruolo di coordinatore cittadino, ho ritenuto di rimettere l’incarico nelle mani del coordinatore provinciale per affrontare al meglio questo momento di crescita ed allargamento del partito”.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi