• In evidenza
  • Fidas “Michele Palmiero”, Riccardo Di Pasquo è il nuovo presidente

    L’associazione Fidas, donatori di sangue “Michele Palmiero”, rinnova le cariche sociali. Eletto presidente il professor Riccardo Di Pasquo, classe 76, sposato con un figlio e da sempre impegnato nel campo del volontariato.

    Le votazioni si sono tenute il 2 giugno scorso in modalità telematica.

    Riccardo Di Pasquo docente presso l’Istituto Tecnico Industriale di Agnone , già facente parte del direttivo dell’associazione, è il nuovo presidente e succede a Ivana Masciotra.  Il consiglio direttivo sarà formato dai vice-presidenti: Nicolino Capparozza e Raffaele Masciotra, l’amministratore Gaetano Amicarelli, il segretario Costantino Fattore. Sono stati eletti consiglieri  Linda Marcovecchio, Dalio Mastrostefano, Robert Filimon, Pasqualino Saia, Franco Pannunzio, Gesilda Manno, Nino Casciano, Fernando Bucci, Pasquale De Simone, Giuseppe De Martino.

    Nicolino Capparozza e Riccardo Di Pasquo della Fidas

    Fanno altresì parte del consiglio i delegati dei comuni limitrofi: Antonino Vasile e Valeria De Blasio Bagnoli del Trigno, Antonio Bartolomeo di Poggio Sannita, Giuseppe Di Primio di Belmonte del Sannio, Giuseppe Di Tella di Vastogirardi, Carmine Sabatino Litterio e Giampiero Sciulli di Pescopennataro, Maria Ialungo di Pietrabbondante.

    Volontari Fidas consegnano tablet e notebook a studenti del territorio

    Eletto inoltre il Collegio dei Sindaci che vede Mauro Marinelli presidente, Enzo Di Pasquo, Angela Marcovecchio, Gemma Mastrostefano, Eliodoro Mancini componenti.

    “Cercheremo di confermare quanto di buono sin qui fatto e, se possibile, di aumentare la nostra presenza nel tessuto sociale del territorio – le prime parole di Di Pasquo -.  Metteremo a disposizione professionalità, competenza e passione per tutti coloro che vorranno avvicinarsi a fare le donazioni di sangue, ma anche la collaborazione che ci verrà richiesta dalle istituzioni per affermare il valore della solidarietà”.

    Il primo obiettivo sarà ripristinare il servizio di donazioni presso l’ospedale San Francesco Caracciolo. Va detto che la Fidas Agnone vanta oltre 400 fonatori di sangue. A tale proposito Nicolino Capparozza annuncia che il prossimo 11 giugno, grazie al lavoro svolto dal precedente direttivo, dal dott. Gelsomino De Vita e Felice di Cesare, e grazie anche ai media, verrà ad Agnone la commissione che valuterà in via definitiva i nuovi locali messi a disposizione dall’Asrem presso l’ospedale.

    Ulteriore obiettivo sarà quello di portare a termine i progetti già iniziati che coinvolgono anche i paesi limitrofi.

    Il presidente ha ricevuto le congratulazioni da parte del cav. Mario Petrecca, che ha tenuto a ringraziare l’associazione per la collaborazione durante questi mesi difficili.

    “Alcuni dei nostri volontari hanno dato la propria disponibilità al Nucleo Volontario  e Protezione Civile ANC di Agnone per consegnare a domicilio farmaci e viveri alle persone impossibilitate ad uscire di casa”, ha ricordato Petrecca. I  beni sono stati consegnati  su tutto il territorio altomolisano grazie alla disponibilità del giovane Robert Filimon che ha consegnato numerosi tablet e notebook alle famiglie che hanno fatto richiesta all’Istituto Omnicomprensivo “G.N. D’Agnillo” di Agnone.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi