• In evidenza
  • Greco su Sente: “Intesa Provincia-Anas arriva con due anni di ritardo” (la video-intervista)

    “La firma della convenzione tra Provincia di Isernia e Anas che consegna la progettazione del viadotto ‘Sente-Longo’ nelle mani dell’ente nazionale, è un atto voluto e inseguito fortemente dal MoVimento 5 Stelle. Sin dal giorno della chiusura del viadotto, era il 18 settembre del 2018, con i miei colleghi e la delegazione parlamentare molisana e abruzzese, abbiamo lavorato al reperimento di fondi necessari da investire sull’importate infrastruttura viaria”.

    Andrea Greco, consigliere regionale del M5S rivendica la paternità dell’intesa raggiunta ieri a Palazzo Berta e che di fatto consegna nelle mani di Anas il ponte Sente. Greco ripercorre le tappe salienti della vicenda ma al tempo stesso lancia accuse sui ritardi che hanno portato alla nuova intesa. 

    “I primi due milioni dovevano servire per mettere in sicurezza il viadotto e ripristinare le condizioni minime di transitabilità, inutile dire che per l’utilizzo di quei soldi la Provincia ha fallito miseramente – rimarca il consigliere regionale di Agnone -.  Di lì si è reso necessario perseguire la convenzione con un ente che fosse in grado di assicurare celerità e risultato. Primo passaggio fondamentale per avviare le opere di riapertura del viadotto era quindi ottenere un accordo con Anas, intesa arrivata con grande ritardo su quelle che erano e restano le aspettative delle popolazioni e dei Comuni delle aree interne. L’azione portata avanti dal M5S con l’assegnazione di 2 milioni di euro, andava, ripeto, nell’indirizzo della messa in sicurezza dell’opera in maniera repentina.

    Alfredo Ricci, presidente della Provincia di Isernia

    Un ritardo nei tempi – aggiunge – che vede unica colpevole la Provincia di Isernia o di chi al tempo volle fare una battaglia politica su quel ponte, dimostrandosi inadeguato a gestire la vicenda. Oggi finalmente viene posta la parola fine a tutto ciò. Con l’ingresso di Anas, cosa che abbiamo sempre perorato, fortunatamente si aprono nuovi scenari che lasciano ben sperare ad una risoluzione concreta della problematica a cui continueremo a lavorare senza alcuna sosta”. Infine il pentastellato ribadisce l’impegno da parte del MoVimento per il futuro.  “Da parte nostra l’obiettivo principale resta la riapertura di uno dei ponti più alti d’Italia. Sarà questo l’impegno che il M5S porterà avanti nei prossimi mesi sia in campo regionale che a Roma dove abbiamo trovato sempre grande disponibilità. Su questa vicenda sono in pochi a metterci la faccia, noi continueremo a farlo. Non da ultimo – conclude – sarà nostro compito verificare per quale ragione dei 2 milioni di euro concessi dal Governo centrale oggi ne restano a disposizione solo 1,6”.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi