• In evidenza
  • Poste, ad Agnone e Frosolone possibile prenotare operazioni tramite una app

    Poste Italiane continua nello sviluppo digitale degli uffici postali della provincia di Isernia. Negli uffici postali di Agnone (via Verdi) e Frosolone, infatti,è stato installato ed è operativo il nuovo gestore delle attese “Light”, un innovativo totem touch screen, dotato di un display riepilogativo nella sala al pubblico, che consente non solo di selezionare l’operazione da effettuare in base alle proprie necessità, ma anche di prenotare il turno a sportello acquisendo un ticket elettronico da remoto attraverso l’app “Ufficio Postale”, utilizzando il numero WhatsApp 371500371 da memorizzare sul proprio cellulare oppure dal pc collegandosi al sito www.poste.it

    Con le due nuove installazioni, tra il modello standard e quello “Light” – scrive Poste Italiane in una nota inviata in redazione –  salgono a 6 gli uffici postali della provincia di Isernia dotati del gestore delle attese, per i quali è possibile prenotare da remoto il proprio turno allo sportello. Il servizio, oltre ad Agnone e Frosolone, è disponibile anche per gli uffici postali di Isernia Centro (via XXIV Maggio), Isernia 1 (via Vivaldi), Isernia 2 (corso Garibaldi) e Venafro

    Il nuovo sistema, interamente digitale, quindi – prosegue Poste – consente di gestire al meglio i flussi di clientela, riducendo i tempi di erogazione dei servizi offerti attraverso un sistema semplificato. Negli uffici dove è disponibile il nuovo gestore delle attese, infatti, il cittadino può accedere in modo semplice e intuitivo allo sportello, l’operazione è gestita in modo flessibile ed è pianificata al meglio l’operatività del personale, consentendo l’erogazione dei servizi secondo le differenti modalità disponibili. 

    In uno scenario complesso come quello dell’emergenza sanitaria – concludono da Poste l’obiettivo di Poste Italiane resta quello di ag- evolare l’accesso dei cittadini ai propri servizi, garantendo lo sviluppo innovativo e la valorizzazione tecnologica nel segno della digitalizzazione del Paese. 

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi