• News
  • Sanità, Schael: «Personale in arrivo nei reparti dell’ospedale di Vasto»

    «La carenza di personale all’ospedale di Vasto è un tema sul quale la Direzione Aziendale non molla nemmeno per un momento. E le soluzioni le abbiamo trovate». Suonano rassicuranti le parole del Direttore generale della Asl Thomas Schael, sollecitato sull’argomento specie in riferimento ad alcuni reparti che storicamente soffrono perché in organico sotto dotato. 

    «Le attività chirurgiche sono garantite, sia in urgenza che in elezione – aggiunge il Direttore – perché i turni saranno coperti con il contributo di quattro anestesisti in arrivo da Chieti, in regime di prestazioni aggiuntive. In pari numero sono gli ortopedici già assunti. Contestualmente in Radiologia sono stati sostituiti i due medici che si erano trasferiti in altra sede, e assunto personale tecnico.  Una maxi procedura è stata portata a termine per arruolare operatori socio sanitari, dei quali 20 sono stati destinati a Vasto».

    Buone nuove sul fronte dei concorsi: martedì della prossima settimana si svolgerà il colloquio per l’individuazione del nuovo Direttore della Cardiologia, mentre a giorni sarà ufficializzata la data del colloquio per quello di Medicina. E’ stata inoltre portata a termine la selezione per il reclutamento di medici di Igiene e Sanità pubblica, che andranno a supportare l’attività del Dipartimento Prevenzione.

    Infine sul fronte degli infermieri c’è l’impegno della Direzione Aziendale a completare la parte burocratica della procedura in circa due settimane, e a espletare il concorso entro fine anno. 

    «I nostri uffici sono impegnati a portare a termine avvisi e concorsi in tutti i settori nei quali c’è maggiore necessità, nessuno escluso – aggiunge Schael – . Buona volontà e dedizione, tuttavia, a volte non bastano, soprattutto quando le procedure esperite non si concludono con l’esito desiderato perché i professionisti selezionati si dichiarano non disponibili ad accettare l’incarico oppure fanno altre scelte dopo aver prestato servizio per un po’. Siamo consapevoli delle difficoltà di alcuni reparti, e proprio per questo mettiamo in campo tutte le risorse per garantire continuità alle attività e condizioni di lavoro adeguate agli operatori».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi