• In evidenza
  • Treno travolge auto e la trascina per quattrocento metri, feriti coniugi e un neonato

    Attorno alle 17.30 di mercoledì un locomotore merci della Sangritana che trasportava i furgoni prodotti nel polo industriale della Sevel di Atessa, alla stazione ferroviaria di Fossacesia della direttrice nazionale Adriatica, giunto al passaggio a livello della Selva di Fossacesia ha investito una Kia Rio che stava impegnando la strada ferrata. Il macchinista ha azionato i freni di emergenza, ma nonostante il convoglio procedesse a velocità molto bassa perché il passaggio a livello non è dotato di barriere mobili, ma solo di segnali sonori e luminosi, ha trascinato l’auto per circa 400 metri prima di fermarsi. Fortunatamente l’auto non è stata centrata in pieno dal treno, ma dopo l’impatto sul lato passeggero è stata trascinata lateralmente alla banchina delle rotaie senza incontrare altri ostacoli.

    A bordo si trovava un’intera famiglia composta da due coniugi trentenni di Lanciano e dal figlio di pochi mesi. Il giovane conducente è rimasto ferito lievemente così come il bambino mentre la giovane donna è rimasta incastrata tra le lamiere, ferita ma vigile. Sul posto sono celermente intervenuti i carabinieri della stazione di Fossacesia e della Radiomobile di Ortona, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Lanciano ed il 118 con il supporto dell’eliambulanza. I Vigili del Fuoco dopo circa venti minuti di lavoro incessante sono riusciti ad aprire un varco tra le lamiere contorte dell’auto ed a consentire così ai sanitari del 118 di estrarre la ferita in sicurezza e di trasferirla sull’elisoccorso che stazionava nei pressi. Trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Pescara, i locali sanitari le hanno riscontrato la frattura di un arto con un prognosi di circa un mese mentre il marito ed il figlio sono stati trasportati all’ospedale di Lanciano e dimessi con pochi giorni di prognosi. I carabinieri operanti conclusi i soccorsi hanno ricostruito nel dettaglio la scena dell’evento, posto sotto sequestro l’autovettura e la centralina elettrica del passaggio a livello ed avviato gli accertamenti sullo stato psicofisico del conducente e del macchinista, che in seguito hanno dato esiti negativi. Resta ora da ricostruire l’esatta dinamica dell’evento. La Procura della Repubblica di Lanciano procede per lesioni stradali colpose.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi