• In evidenza
  • Vaccini e furbetti, Saia precisa: «Abbiamo fatto scelte coerenti e trasparenti»

    «La salute dei miei concittadini è la cosa che mi sta più a cuore in questo momento di grande difficoltà, per questo ribadisco la decisione di voler essere l’ultimo dei vaccinati della nostra cittadina».

    Sembra abbia voluto rispondere a chi, da dietro le tastiere e sui social, ha parlato di furbetti del vaccino anche ad Agnone, il sindaco Daniele Saia ospite della trasmissione televisiva “Conto alla Rovescia”. Il primo cittadino ha ringraziato «tutti i medici, gli infermieri, gli amministrativi e i volontari della Protezione Civile che si stanno prodigando per il bene comune».

    «Continueremo a portare avanti con chiarezza la campagna vaccinale. – ha aggiunto Saia – Non c’è stata nessuna discrepanza, abbiamo detto chiaramente come stiamo portando avanti il piano vaccinale. La trasparenza è quella che abbiamo sempre predicato ed è quella che stiamo mettendo in campo anche in questa occasione. Vista l’impennata di casi in Alto Molise e ad Agnone in particolare, abbiamo semplicemente ritenuto doveroso proteggere con la somministrazione del vaccino il personale più esposto a rischi di contagio perché appunto impegnato in prima linea nella campagna vaccinale a Palazzo San Francesco».

    Perché chi è in prima linea, da volontario, senza alcuna retribuzione, come gli uomini della Protezione civile guidati da Mario Petrecca ad esempio, rischia intuibilmente di più rispetto a chi comodamente in poltrona, con la pensione e la tazza di tè assicurate, usa il bilancino di precisione per pesare le categorie da sottoporre a vaccinazione in via prioritaria rispetto ad altre.

    Il sindaco, rispetto a queste polemiche e provocazioni, si è detto sereno: «E’ una scelta di assoluta coerenza, mi pare. Comunque, dobbiamo accelerare affinché tutti siano vaccinati nel minor tempo possibile. A questo riguardo, – ha aggiunto in chiusura il primo cittadino – il vicesindaco Di Nucci, insieme allo staff, ha già fatto le prime vaccinazioni domiciliari agli anziani che non possono recarsi presso la sede vaccinale di Palazzo San Francesco».

    Francesco Bottone

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi