• In evidenza
  • Europei 2021, un mese al via: cresce l’attesa per il torneo itinerante

    Meno trenta giorni al calcio d’inizio: saranno Italia e Turchia, il prossimo 11 giugno, a contendersi il primo pallone degli Europei di calcio 2021. Manca poco, quindi, alla chiusura di un cerchio apertosi il 17 marzo del 2020: data in cui l’Uefa aveva deciso, a causa del Coronavirus, di rinviare la manifestazione a un anno esatto di distanza. Sono tanti i motivi di curiosità attorno a quella che sarà un’edizione molto particolare: la federazione continentale, infatti, ha deciso di mantenere la formula di una competizione itinerante in onore dei sessant’anni dalla sua nascita. Le partite si disputeranno in 11 città: Amsterdam, Baku, Bucarest, Budapest, Copenaghen, Glasgow, Londra, Monaco, Roma, San Pietroburgo e Siviglia. 

    Momento importante anche per il nostro calcio: lo Stadio Olimpico ospiterà le tre gare dell’Italia contro Turchia, Svizzera e Galles, più un quarto di finale. C’è grande attesa attorno alla nazionale: gli azzurri non partono certo in pole position, ma si posizionano subito dietro alle grandi favorite. Questo grazie a un girone di qualificazione da record (10 vittorie su 10) e a una Nations League vissuta da grandi protagonisti: proprio Milano e Torino saranno le sedi delle Final Four del prossimo ottobre, con Belgio, Francia e Spagna che contenderanno il trofeo a Donnarumma e compagni. Il Gruppo A vede i ragazzi di Mancini partire chiaramente avanti nei pronostici: turchi, elvetici e britannici sono avversari da non sottovalutare, ma almeno sulla carta inferiori. 

    Nel Gruppo B si attende un Belgio padrone della situazione: Danimarca e Russia sono nazionali ostiche ma non certo insuperabili, mentre la Finlandia sembra giocare un ruolo di sparring partner. Nel Girone C le pressioni sono tutte rivolte verso un’Olanda che ha tanto da dimostrare: Austria, Ucraina e Macedonia del Nord non dovrebbero impensierire troppo gli Oranje. Nel Gruppo D la parte del leone dovrebbero farla gli inglesi, giovani e fortissimi. Croazia, Repubblica Ceca e Scozia lotteranno quasi alla pari per spuntarla alle spalle dei ragazzi di Southgate. Spagna favorita d’obbligo nel Gruppo E: le Furie Rosse dovranno incrociare Polonia, Slovacchia e Svezia all’inizio del loro cammino. In chiusura ecco il classico “girone della morte” che vedrà incrociarsi Germania, Francia, Portogallo e Ungheria.

    La possibilità che ci sia qualche vittima eccellente in vista degli ottavi, comunque, è remota: il regolamento stabilisce infatti che il passaggio del turno avverrà per le prime due di ciascun girone, più le quattro migliori terze. Questo presuppone che le big del calcio continentale, all’inizio, potranno permettersi anche qualche passo falso. Tuttavia i pronostici degli Europei 2021 degli esperti di Wincomparator credono poco nei passi falsi e ritengono che tutte le squadre più blasonate passeranno senza troppe difficoltà la fase a gruppi: Italia, Belgio, Paesi Bassi, Inghilterra, Spagna e Francia dovrebbero riuscire a cavarsela e guadagnare la fase successiva. Quella dei turni a eliminazione diretta, dove comincia tutto un altro torneo: da lì in poi sarà vietato sbagliare!  Le favorite, alla vigilia del torneo più atteso dell’estate, sono Francia e Inghilterra, proposte dai bookmaker a 6.50 circa: Italia e Belgio seguono a 7.50, con Germania, Spagna e Portogallo proposte a 9.00. C’è proprio tutto, quindi, per arrivare preparati al fischio d’inizio di venerdì 11 giugno!

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi