• In evidenza
  • La maggioranza perde pezzi: dimissioni della consigliere Magnacca a Castiglione

    «Comunico a tutti voi di aver presentato ufficialmente in data 13 gennaio 2022 presso gli uffici Comunali le DIMISSIONI da Consigliere Comunale del Comune di Castiglione Messer Marino, le quali erano stato già state anticipate via Pec in data 03/01/2022. Vista la problematica situazione sanitaria creatasi in questo periodo nel nostro paese, ho preferito attendere che la stessa iniziasse a rientrare prima di mettervi al corrente della mia decisione. Quasi alla fine del mandato ho compiuto questa scelta, sofferta e a lungo ponderata e fatta secondo coscienza, di interrompere la mia esperienza amministrativa».

    Sono le parole di Marialaura Magnacca, esponente della maggioranza che sostiene il sindaco Felice Magnacca, con le quali annuncia di essersi dimessa dall’incarico elettivo di consigliere comunale.

    «Non ritengo giusto, per me e soprattutto per chi ha avuto fiducia in me, continuare a ricoprire un ruolo senza avere più la giusta serenità e voglia di fare che nel tempo sono esaurite per un insieme di cause e varie situazioni. – continua Magnacca – Ciò che ho fatto, ciò che non ho fatto e ciò che ancora avrei potuto fare, sicuramente di più e meglio, lo rimetto al vostro giudizio. Approfitto di questo momento per ringraziare tutti i Dipendenti Comunali che mi hanno accolta, ascoltata e aiutata. Mi sento soprattutto in dovere di ringraziare voi cittadini di Castiglione M. M. per aver creduto in me, nelle mie potenzialità e qualità e verso i quali resterò sempre in debito. Mi auguro solo che in questi quattro anni e mezzo io abbia avuto nei vostri confronti la giusta dose di educazione e rispetto, la capacità di ascoltarvi e se nelle mie possibilità aiutarvi. Credo di aver sempre avuto un sorriso e un saluto per tutti e soprattutto spero di avervi sempre mostrato rispetto, nella convinzione che in fondo le “cariche” passano, ma sono le persone quelle che restano. Grazie Castiglione».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi