• In evidenza
  • Mulattiera pericolosa senza segnaletica, Ricci ignora le richieste dei pendolari: cittadini lanciano una colletta

    A distanza di oltre una settimana dall’appello lanciato a mezzo stampa da Giorgio Iacapraro, presidente e portavoce di un comitato di oltre settecento cittadini, la Provincia di Isernia fa orecchie da mercante. Il tema è quello della viabilità, o meglio, della sicurezza stradale. In questi giorni di maltempo, con nebbia insistente e precipitazioni abbondanti sul territorio dell’Alto Molise, percorrere la ex statale Istonia, ribattezzata “mulattiera” dai pendolari che la attraversano, è davvero pericoloso. In condizioni di scarsa visibilità dovuta appunto alla nebbia la strada è difficilmente percorribile perché per la quasi totalità del tracciato non presenta la segnaletica orizzontale, banalmente le strisce che delimitano la carreggiata e separano le corsie. Uscire di strada è davvero facile, perché si percorre la strada senza vedere la strada, immaginandola.

    Ed ecco, dunque, l’appello dei pendolari, realizzare almeno la striscia di mezzeria, in mezzo alla carreggiata, per avere un’idea del percorso tortuoso e dissestato che si affronta. La richiesta, legittima e di buonsenso, fatta propria dal portavoce del movimento civico Iacapraro, ha avuto vasta eco sulla stampa regionale. Pubblicata proprio su queste colonne è stata poi ripresa anche dai giornali on line. A fronte di questa esposizione mediatica, tuttavia, nulla è accaduto. Nessun cenno si è avuto dalla Provincia di Isernia, solitamente attenta e reattiva alle sollecitazioni che arrivano dal territorio.

    Il presidente Ricci, che pure ha preso visione della richiesta e che ha un buon rapporto con il mondo dell’informazione, non si è degnato di rispondere ai pendolari dell’Alto Molise e dell’Alto Vastese che ogni giorno rischiano la vita sulla “mulattiera” percorrendola senza alcuna segnaletica orizzontale presente e visibile. E proprio da alcuni pendolari e utenti di quella strada arriva quella che potrebbe sembrare una provocazione, ma che in realtà è un tentativo di risolvere praticamente un problema: una colletta per acquistare dei secchi di vernice e procedere di persona a dipingere almeno la striscia di mezzeria sulla ex statale Istonia. E così nei prossimi giorni sulla “mulattiera” potrebbero comparire dei cittadini che, armati di pennello, faranno quello che gli enti preposti non sanno o non vogliono fare. Un esempio di cittadinanza attiva, magari rischiando anche una contravvenzione.

    Caterina d’Alba

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    1 Comment

    1. Pino says: Rispondi

      Giusto per la cronaca…. La segnaletica stradale orizzontale (strisce) devono essere fatte quando l’asfalto è asciutto!!! E comunque la ditta specializzata è presente in loco per effettuare le lavorazioni..

    Rispondi