• News
  • Rapina pluriaggravata e spaccio di droga, sequestrati 90mila euro

    Nei mesi scorsi, nell’ambito dell’Operazione “PENSA”, gli Agenti della Polizia di Stato di Campobasso unitamente agli uomini del locale Nucleo Operativo e Radiomobile dell’Arma dei Carabinieri diedero esecuzione a sei misure cautelari (due in carcere e quattro ai domiciliari) emesse dal GIP del Tribunale di Campobasso su richiesta della locale Procura, per i reati di rapina pluriaggravata e per numerose condotte di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella circostanza furono eseguite 14 perquisizioni ed effettuati vari arresti nei confronti di un 25enne ed un 19enne originari di Campobasso, poi posti in custodia cautelare in carcere, e di altri quattro uomini, uno di Campobasso e tre residenti tra Lucera e San Severo, sottoposti alla misura degli arresti domiciliari.


    In particolare, nel corso di una delle perquisizioni fu rinvenuto nell’abitazione del giovane di 25 anni, principale indagato, , un involucro contenente circa 90mila euro, nascosto nelle mura di casa, provento dell’attività di spaccio.
    L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Campobasso ha avuto origine da una rapina perpetrata ai danni di un ragazzo del Capoluogo nell’agosto del 2018 e, attraverso accertamenti tecnici, osservazioni, pedinamenti e perquisizioni, ha consentito di ricostruire il complesso di attività e comportamenti illeciti posti in essere, tra cui l’attività di spaccio a Campobasso condotta dai due molisani attraverso un sodalizio criminoso con gli altri soggetti pugliesi, grazie ai quali veniva rifornita la piazza di Campobasso con la droga proveniente da San Severo. Il 25enne, il 22 gennaio 2019, aveva attuato anche una seconda rapina ai danni di una cittadina straniera. L’attività investigativa svolta, ha consentito pertanto di interrompere la progressione delle attività criminose condotte.
    Nella giornata di ieri, 10 giugno 2020, si è giunti all’epilogo dell’attività investigativa condotta negli ultimi due anni dagli uomini della Polizia di Stato. È stata infatti notificata presso la Casa Circondariale di Larino, al principale indagato, il provvedimento di esecuzione del decreto di sequestro preventivo, disposto dal GIP, dei 90mila euro profitto dell’attività di spaccio, sequestrati in occasione della citata operazione.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi