• News
  • Stalking e violenza sessuale: oltre cento casi nell’Isernino nel 2020

    Oggi 25 novembre è la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ricorrenza istituita il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione n. 54/134. La data è stata scelta come giorno della ricorrenza in cui celebrare attività a sostegno delle donne, purtroppo sempre più vittime di violenze, molestie, fenomeni di stalking e aggressioni tra le mura domestiche.


    Un evento importante attraverso il quale si intende informare e sensibilizzare affinché si possa prevenire un fenomeno ancora troppo diffuso, nella speranza che presto si possa dire addio a molestie, violenze di genere e femminicidi.
    L’Arma, molto attenta al fenomeno, ha istituito una vera e propria “Rete
    Nazionale per il Monitoraggio del Fenomeno della Violenza di Genere

    attraverso la formazione di personale esperto con il supporto del Reparto
    Analisi Criminologiche del Ra.C.I.S. (Reparto Analisi Criminologiche del
    Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche).
    In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza
    contro le donne il Comando Provinciale Carabinieri di Isernia, alla guida del Tenente Colonello Gennaro Ventriglia, ha voluto sottolineare l’impegno
    quotidiano che tutti i Carabinieri, donne e uomini, pongono per contrastare
    tutti quei reati che vedono lesa la donna.
    Il più grave in assoluto è quello comunemente chiamato “femminicidio”.
    Rientrano nella definizione sia gli omicidi di donne che avvengono in ambito relazionale, passionale, familiare e di vicinato, sia quelli compiuti da uomini che fuori dal contesto relazionale agiscono poiché considerano le loro vittime (donne o transgender) “inferiori” in relazione alla loro appartenenza al genere femminile.

    Nel corso del 2020, il Comando Provinciale di Isernia, con le dipendenti
    compagnie di Venafro e Agnone in sinergia, ha proceduto per complessivamente circa 100 casi, riconducibili al fenomeno della violenza di genere, che hanno riguardato i maltrattamenti con lesioni verso familiari o conviventi, casi di violenza sessuale e atti persecutori o “stalking”, reato quest’ultimo che punisce quelle condotte reiterate di molestia o minaccia che causano rilevanti disagi psichici alla persona offesa.
    La puntuale attività investigativa dei Carabinieri ha consentito di identificare e denunciare tutti gli autori dei reati in materia di violenza di genere, due dei quali destinatari di misure di custodia cautelare in carcere.
    L’invito dei Carabinieri è sempre quello di trovare il coraggio, da parte delle
    vittime, di denunciare e segnalare ogni episodio di forma di violenza o ogni
    anomalo disagio.


    I carabinieri di Isernia, consapevoli che la comunicazione e la sensibilizzazione sul problema rappresentano uno strumento fondamentale
    per la lotta alla violenza, consigliano alle vittime di: non confidare sui cambiamenti di carattere e di comportamento promessi da un soggetto violento e non lasciarsi influenzare negativamente dalle sue offese e dalle sue minacce; in caso di ferite o lividi andare quanto prima al Pronto Soccorso di un Ospedale e dichiarare la verità; chiamare appena possibile il “112”, Numero Unico Europeo per le Emergenze; rivolgersi ad appositi centri che possono dare consulenze legali, bancarie e psicologiche gratuite o contattare telefonicamente il servizio “1522” (gratuito e attivo 24h su 24), i cui operatori forniscono alle vittime -assicurando loro l’anonimato- un sostegno psicologico e legale nonché l’indicazione di strutture pubbliche e private presenti sul territorio a cui potersi rivolgere.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi