• News
  • Velocità, cinghiali e telefono alla guida le principali cause di incidenti stradali

    Si è riunito in Prefettura, presieduto dal Capo di Gabinetto, dott. Francesco Montemarano, alla presenza dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine, dei Comandi di Polizia Provinciale e Municipale, del 118, dell’ANAS, dell’ASREM e del Comune di Venafro, l’ “Osservatorio per il monitoraggio degli incidenti stradali”, previsto nell’ambito della Conferenza provinciale permanente dalla Direttiva del Ministro dell’Interno del 21 luglio 2017.
    Nel corso della riunione sono stati analizzati i dati del primo semestre dell’anno 2020, aggregati e raffrontati con quelli degli anni precedenti, concernenti il fenomeno in argomento.
    Al riguardo, si è purtroppo registrato, finora, nel 2020, un numero di 4 incidenti mortali; un numero uguale all’anno 2018, e superiore di due unità rispetto al 2019, quando si sono verificati 2 incidenti con esito infausto.
    Si è evidenziato, altresì, un incremento del numero di incidenti dal 2018 (138) al 2019 (180).
    E’ emersa una concentrazione degli incidenti in alcune particolari località, tra le quali, in primo luogo, la Strada Statale 85, presso Macchia d’Isernia; la Statale 650, nei pressi di Sessano del Molise; ed in alcuni tratti della SS6 dir., presso Venafro.
    I centri urbani con più alta densità abitativa e con maggiore tasso di circolazione veicolare, nonché le principali arterie stradali, urbane ed extraurbane, sono lo scenario ove si sono concentrati la maggior parte dei sinistri.
    Dal focus dell’Osservatorio è emerso che tra le cause di incidentalità vi sono, innanzi tutto, comportamenti di guida errati: velocità troppo elevata, mancato rispetto della distanza di sicurezza, mancato rispetto delle regole di precedenza e, soprattutto, la guida distratta dovuta, con ogni probabilità, all’uso del telefono cellulare.
    Inoltre, un ulteriore fattore di rischio è determinato dalla presenza di fauna selvatica sulle strade, tra cui, in particolare, cinghiali e caprioli.
    Alla luce della riflessione svolta, in attuazione delle disposizioni impartite dal Ministero dell’Interno, che ha inteso dare un rinnovato impulso all’azione di prevenzione e contrasto del fenomeno, è stata condivisa una specifica strategia di rafforzamento dell’attività di controllo del territorio, al fine di massimizzare l’efficacia preventiva e repressiva delle condotte di guida maggiormente pericolose.

    I componenti dell’Osservatorio hanno convenuto di proporre agli Enti competenti, sulla scorta delle positive e collaudate esperienze degli anni precedenti, alcune iniziative finalizzate all’informazione sulla sicurezza ed all’educazione stradale, da rivolgere in particolar modo ai giovani che frequentano le classi delle scuole superiori della provincia.
    Si è, infine, discusso circa le opportunità, riservate agli Enti locali, di proporre progetti, ed ottenere finanziamenti governativi, per la promozione, il coordinamento e il monitoraggio dell’ attività di prevenzione, sperimentazione e contrasto all’incidentalità stradale, correlata, in particolare, al consumo di alcol e droga.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi