• In evidenza
  • Allerta meteo: nevicate al di sopra degli 800 metri

    Una saccatura presente sul Mediterraneo occidentale determina condizioni di spiccata instabilità anche sulla nostra Penisola, in particolare al Centro e più marginalmente al Sud, con fenomeni, anche temporaleschi, più accentuati su Sardegna e versante tirrenico centrale. Domani la maggiore instabilità si estenderà gradualmente verso la Campania, mentre mercoledì nubi e fenomeni trasleranno sul meridione, specie sulle aree tirreniche, liberando progressivamente il Centro.


    Lunedì 8 marzo 2021
    Precipitazioni: da isolate a sparse, con quantitativi cumulati deboli.
    Nevicate: al di sopra dei 1200-1500 m sull’Appennino, con apporti al suolo da deboli a moderati.
    Visibilità: nessun fenomeno significativo.
    Temperature: massime senza variazioni significative.
    Venti: nessun fenomeno significativo.
    Mare: nessun fenomeno significativo.

    Martedì 9 marzo 2021
    Precipitazioni: sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati generalmente moderati.
    Nevicate: al di sopra degli 800-1000 m sull’Appennino, con apporti al suolo da moderati ad abbondanti.
    Visibilità: nessun fenomeno significativo.
    Temperature:  senza variazioni significative.
    Venti: nessun fenomeno significativo.
    Mare: nessun fenomeno significativo.

    L’area perturbata presente sulle regioni centrali dell’Italia, nella giornata di domani persisterà ancora sul Lazio estendendosi a medio Adriatico e Campania, con nevicate, localmente abbondanti a ridosso delle aree appenniniche centrali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che estende ed integra quello diffuso ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).
    L’avviso prevede dalla tarda serata di oggi, lunedì 8 marzo, nevicate a quote superiori a 800-1000 metri sui settori appenninici di Abruzzo, Umbria meridionale e Lazio nord-orientale, con apporti al suolo da moderati a localmente abbondanti, e precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Abruzzo e Molise, in estensione alla Campania.

    I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.
    Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, martedì 9 marzo, allerta gialla in Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise e su settori di Marche, Campania e Puglia. 
    Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

    L’allerta meteo della Protezione civile.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi