• In evidenza
  • Cocaina e taser in tasca, scattano le manette

    I Carabinieri del N.O.R. Sezione Operativa della Compagnia di Termoli (CB), grazie alla collaborazione dei militari della Stazione delle Isole Tremiti (FG), a conclusione degli accertamenti seguiti ad un controllo effettuato nella locale banchina di approdo delle navi ed aliscafi provenienti da quel centro, hanno tratto in arresto 44enne censurato originario del Comune di San Severo (FG).

    L’uomo, già sottoposto alla predetta misura di prevenzione con obbligo di dimora nel Comune di San Severo (FG), comminata dal Tribunale Ordinario di Foggia nel 2017 e rinnovata nel 2021 per altri 2 (due) anni, lo scorso maggio aveva chiesto alla competente Autorità Giudiziaria ed ottenuto di trasferire il proprio domicilio da San
    Severo (FG) all’Isola di San Domino. Il sorvegliato, presentatosi per le formalità di rito presso la Stazione Carabinieri delle Isole Tremiti (FG), subito dopo faceva perdere però le proprie tracce.

    Le tempestive ricerche, avviate dai militari in servizio presso detto centro insulare, consentivano di appurare che il sorvegliato si era arbitrariamente imbarcato sulla nave diretta al porto di Termoli (CB). Pertanto la perfetta sinergia tra i due citati Comandi Arma, sebbene uno pugliese e l’altro molisano, consentivano a personale del N.O.R. Sezione Operativa della Compagnia termolese di rintracciare il soggetto nella locale area portuale, di accertarne l’indebito allontanamento e di rinvenire addosso allo stesso, nel corso di una perquisizione personale, anche un’arma ad impulsi elettrici (c.d. “Taser”) illegalmente detenuta e grammi uno di Cocaina per uso personale, che venivano quindi sottoposti a sequestro.
    Pertanto l’uomo, appurata la violazione degli obblighi e delle prescrizioni imposti dalla Sorveglianza Speciale con obbligo di dimora nel Comune delle Isole Tremiti (FG) nonché il possesso dell’arma, ai sensi degli articoli 75 comma 2° del Decreto Legislativo 159/2011 e 4 della Legge 110/1975, veniva tratto in arresto e tradotto presso la propria abitazione sita in San Severo (FG), per ivi permanere ai domiciliari a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

    Nella successiva udienza, su richiesta della Procura della Repubblica di Larino (CB), l’arresto veniva convalidato dal G.I.P. presso il Tribunale di Larino (CB) ed applicata la misura cautelare in carcere, da scontare nella Casa Circondariale di Lanciano (CH). In relazione ai fatti in questione, il 44enne è stato altresì segnalato amministrativamente alla competente Prefettura U.T.G., ai sensi dell’articolo 75 del D.P.R. 309/1990, per detenzione per uso personale di sostanza stupefacente.
    L’avvenimento in questione dimostra, ancora una volta, l’assoluta importanza della circolarità informativa e dell’osmosi operativa tra i Comandi dell’Arma dei Carabinieri ed anche tra questi e le altre Forze di Polizia, anche nel costante ed attento controllo del territorio, naturalmente sotto la direzione e supervisione della Magistratura per le contingenti e successive implicazioni di natura giudiziaria, in modo da poter garantire proficuamente il rispetto della Legge, la sicurezza globale e gli interessi legittimi dei cittadini.

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi