• In evidenza
  • Giornata mondiale delle api, sostenete gli apicoltori: comprate miele italiano

    Roma, 19 mag. (Askanews) – Api, vespe e calabroni. Anche se a un occhio inesperto possono sembrare tutti uguali, in realtà questi insetti sono molto diversi tra loro, non solo per le loro caratteristiche, ma anche per l’utilità che hanno per l’uomo e per l’ambiente. In questo senso, una specie regna su tutte: l’ape.

    Tanto preziosa che nel 2018 l’ONU ha deciso di dedicarle un vero e proprio appuntamento per celebrarne l’importanza: il 20 maggio di ogni anno ricorre quindi la Giornata Mondiale delle Api, un’occasione per far conoscere questa specie protetta e il ruolo che svolge per il benessere del nostro pianeta. Le api infatti sono una componente essenziale del nostro ecosistema: sono necessarie per la sopravvivenza di molti fiori e piante, hanno un ruolo chiave nella salvaguardia della biodiversità e per il ripristino delle aree a rischio desertificazione, senza dimenticare che grazie all’impollinazione garantiscono lo sviluppo del 75% dei prodotti nella catena alimentare.

    «Esistono centinaia di specie di vespe, api e calabroni ma bisogna precisare che solo alcune di queste sono considerate infestanti» spiega Ester Papa, biologa e Technical Manager di Rentokil. «Alcune specie rappresentano una parte importante del nostro ecosistema, come ad esempio l’ape mellifera che è considerata una specie protetta. Inoltre, generalmente gli insetti con pungiglione possono infliggere più punture nell’arco della loro vita, a differenza delle api che dopo la prima puntura muoiono e dunque pungono solo nel caso in cui percepiscano una minaccia alla propria sopravvivenza, o a quella dell’alveare».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi