• In evidenza
  • Viadotto Sente, Greco: «Siamo ad un punto di svolta»

    «L’impegno per la riapertura del viadotto Sente-Longo resta al centro della nostra azione politica. Un impegno al quale io e i miei colleghi del M5S non ci siamo mai sottratti e che ci vede interloquire quotidianamente con il Ministero delle Infrastrutture, l’Anas e la Provincia di Isernia. Risolvere i problemi di uno dei viadotti più alti d’Europa non è facile. Tuttavia, grazie all’impegno dimostrato dal Vice Ministro Giancarlo Cancelleri e al lavoro di squadra con i nostri parlamentari e l’abruzzese Carmela Grippa, possiamo dire di essere ad un punto di svolta».

    E’ quello che annuncia con un post sui social il consigliere regionale Andrea Greco.

    «Risale al 30 settembre scorso la notizia che il Mit ha dato l’ok alla convenzione tra Anas e Provincia di Isernia per la progettazione degli interventi finalizzati alla riapertura del Sente. Un documento che tuttavia doveva essere ritoccato in qualche punto, così come richiesto dal Ministero. – continua il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle – Le modifiche alla convenzione sono state fatte da ANAS, che non più di 48 ore fa ha inviato la versione definitiva alla Provincia di Isernia.
    L’augurio e la certezza, ora, sono che il presidente Alfredo Ricci, insieme ai tecnici di Palazzo Berta, diano immediato riscontro ad ANAS per formalizzare definitivamente il passaggio di consegne. Lo merita chi con abnegazione e sacrificio resiste e si ostina ad investire nelle aree interne, perennemente snobbate anche e soprattutto da chi su queste montagne si vede solo a ridosso delle campagne elettorali».

    Al centro nella foto il presidente della Provincia di Isernia


    Dal canto nostro, – chiude Greco – continueremo a monitorare da vicino la vicenda come sempre fatto fino ad oggi. Abbattere quel divieto alla mobilità che crea pesanti disagi a lavoratori, pendolari, studenti e malati è, e resta, uno dei nostri principali obiettivi, da perseguire con tutte le forze».

    Sostieni la stampa libera, anche con 1 euro.

    Rispondi